Come fare una porta in legno

Costruire le proprie porte per interni vi darà la possibilità di personalizzarle e di renderle uniche. Poiché esse sono generalmente di grandi dimensioni, acquistate le materie prime presso un grossista di fiducia, in modo da poter risparmiare il più possibile.
costruire porta legno


Quale materiale è necessario

portePrima di iniziare la lavorazione, procuratevi tutti gli attrezzi necessari. Nello specifico, vi serviranno un metro rigido, una sega, dei morsetti a barra, colla per legno, un jointer, cerniere, un chiavistello, delle viti e dei cacciaviti di differente misura. Per la rifinitura, acquistate un buon prodotto antitarme, una vernice trasparente fissante, la vernice o lo smalto per poterla colorare e un paio di pennelli con setole di martora naturale, che non rovinano il legno.

  • Bricolage

    bricolage Il bricolage, comunemente chiamato anche “fai da te”, consiste nell' occuparsi di tanti vari lavori manuali senza vestire le vesti di un professionista. Il bricolage può, infatti, essere annoverato tr
  • Legno

    tronchi di albero Il fai da te permette di occuparsi di operazioni in tutti i settori, cosa che permette a sempre più persone di avvicinarsi al mondo del fai da te, in quanto tutti possono trovarvi un buon modo per tra
  • Cassapanca in legno

    cassapanca in legno La cassapanca è una tipologia di mobile utilizzata sin dai tempi antichissimi, che unisce in se più di una funzione, e che quindi può essere utilizzata in vari modi, per più di uno scopo. La cassapanc
  • Legno fai da te

    tavolino in legno d Sempre più persone scelgono di dedicarsi al fai da te, perchè comprendono che in quest' occupazione vi sono moltissimi vantaggi da ottenere. In primis, il fai da te comprende occupazioni in ogni setto


Come iniziare la costruzione di una porta in legno

costruzione portaMisurate l'apertura necessaria per l'inserimento della porta utilizzando un metro a nastro. In base a tale misurazione, ricavate due pannelli di legno con uno o due cm in più di tale misura, sia in lunghezza che in altezza. Appiattite le tavole con una pialla e rifinitele con la carta vetrata. Se uno dei quattro angoli ha delle dimensioni maggiori, regolate le estremità alla stessa larghezza realizzando un listone con una sega circolare. Ora inchiodate le tavole insieme per formare un pannello di grandi dimensioni. Perchè siano perfettamente adiacenti, spalmate una dose generosa di colla su un lato di ogni tavola, e fatele aderire bene utilizzando i morsetti. Posizionate i morsetti a barra alternativamente sotto e sopra il pannello per evitare che esso si possa piegare in un'unica irezione. Lasciate riposare il tutto per almeno ventiquattro ore, in modo che la colla si possa asciugare completamente, quindi levate i morsetti di fissaggio.


Come si realizza la base portante

Tagliate ora il pannello dell'esatta dimensione dell'apertura della porta con una apposita sega da taglio o con una sega circolare, facendo attenzione a non farvi male. Sistemate le cerniere in un lato del pannello e una maniglia o un pomello nell'altro. Avvitate a fondo le cerniere con un cacciavite, eseguendo precedentemente dei fori pilota per evitare di tagliare e rovinare il legno. Avvitate quindi il fermo sulla facciata della porta e praticate un foro per montare la maniglia, seguendo le istruzioni di installazione fornite con essa. Costruite un telaio di circa 3 cm di spessore. La cornice che circonda i pannelli deve essere costituito da due montanti verticali esterni, una guida superiore e inferiore, una rotaia centrale, e due montanti in materiale metallico, uno dei quali servirà da guida superiore alla rotaia centrale, mentre l'altro andrà dalla ferrovia centrale verso la guida inferiore.


Il telaio e le rotaie

Fate attenzione a questo punto della lavorazione perchè è quello che dà maggiori difficoltà. Tagliate delle tacche sulle facce interne delle rotaie perchè si possando adattare ai bordi dei pannelli, utilizzando una sega o un router. Ricavate poi un tenone all'estremità di ciascuna parte di telaio che verrà montato a quello immediatamente adiacendo, utilizzando sempre la sega circolare. Tagliate i tenoni di uno spessore che si possa inserire con facilità nelle tacche dei pannelli. Tenete presente che tutte le guide orizzontali dovranno essere fissate ai lati dei montanti verticali, e sulle estremità di quelli centrali, necessari per le guide orizzontali.


Come si assembla e si rifinisce la porta

A questo punto dovrete assemblare l'intera porta. Mettete la colla nelle cave e sui tenoni, bloccandoli con i morsetti. Verificate che i tenoni siano disposti in modo da formare un quadrato, misurando diagonalmente la sezione da un angolo all'altro. Queste due misure diagonali dovranno essere identiche o la porta non potrà chiudersi e aprirsi con facilità. Mettete la porta sulle cerniere e il gioco è fatto. Date una mano di prodotto antitarme, che eviterà la comparsa dei fastidiosi insetti. Quando questo è penetrato nel legno, verniciate la porta con il colore desiderato, intensificandolo con una successiva mano. Dopo ventiquattro ore, rifinite il tutto con una passata di vernice trasparente, lucida oppure opaca a seconda dlle vostre preferenze personali.


Come fare una porta in legno: Quale legno scegliere

porta Una volta compresi tutti i passaggi necessari alla realizzazione delle tue porte fai da te, è bene conoscere tutte le proprietà e le caratteristiche delle varie tipologie di legno per poter effettuare la scelta più adatta alle nostre esigenze. Le varietà di legno sono infinite, vediamone insieme alcune tra le principali. Il castagno è un legno piuttosto leggero, resistente e facile da lavorare. Per questo è un buon candidato per i vostri lavori fai da te perché semplice da maneggiare. Il colore è giallo o bruno con venature più scure. Ottimo per creare porte antiche e rustiche. Il faggio si presenta con un colore giallo rossastro. E’ un legno duro, compatto, resistente e molto lavorabile. Il ciliegio è uno dei prediletti in Europa ed è quindi molto ricercato e costoso. Le porte in legno di ciliegio appaiono molto belle alla vista grazie alle sfumatura rossastre tipiche dell’arbusto. L’abete invece è una tipologia di legno molto malleabile e lavorabile e quindi molto elastico. Il colore è giallo chiaro. Insomma, esistono molteplici varietà di legno con particolari caratteristiche e determinate proprietà. La scelta spetta a voi: lasciatevi guidare dai vostri gusti e non rimarrete di certo insoddisfatti!


Guarda il Video

commenti

Nome:

E-mail:

Commento: