Tasse per l'acquisto della casa

Le tasse per l'acquisto della casa: quali sono e quando si pagano

Le tasse per l'acquisto della casa dipendono dal tipo di immobile che si vuole acquistare, ad esempio una prima casa, una seconda casa o una casa di lusso, e dal tipo di venditore, sia esso un privato, un'agenzia o un'impresa di costruzioni. L'iva è una tassa che va pagata se il venditore è un'impresa di costruzioni e dipende dal valore dell'immobile, indicato sull'atto di compravendita. L'imposta di registro è un'imposta indiretta che viene versata direttamente all'Agenzia delle Entrate e viene richiesta per la trascrizione dell'atto di compravendita. L'imposta ipotecaria viene richiesta per "trascrizione, iscrizione, rinnovazione e annotazione presso i pubblici registri immobiliari" e riguarda il passaggio di un immobile, tramite un acquisto, una donazione o una successione. Infine, l'imposta catastale è una tassa richiesta per la trascrizione della compravendita sui registri del Catasto Immobili dell'Agenzia delle Entrate. Queste tasse vanno pagate direttamente al notaio al momento del rogito e quest'ultimo le erogherà all'Erario. Solo nei casi di acquisto presso un costruttore, la somma dovrà essere corrisposta direttamente alla ditta e non al notaio.
tasse casa

PUEEN 2014 Nail Art Stamp Collection Set 24B-L STAMPING BUFFET - TEMPO LIBERO - nuovo set di 24 All È possibile imprimere Full Size Stamping Immagine Plates Manicure fai da te (Infinite immagini con la vostra creatività) Ora con BONUS Storage Case

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,99€
(Risparmi 15€)


Imposte per l'acquisto della prima casa

acquisto casa Con il termine prima casa si intende quell'abitazione di proprietà situata nel Comune di residenza di chi la possiede, indipendentemente dal fatto che quest'ultimo vi dimori o meno. Per chi acquista la prima casa, le imposte da pagare variano in base al venditore. Difatti, se a vendere è un soggetto privato, le tasse da pagare sono: l'imposta di registro del 2%, l'imposta ipotecaria di 50 euro e altre 50 euro per l'imposta catastale, mentre non si dovrà pagare l'iva. Se il venditore è un'impresa che vende dopo 5 anni dalla fine dei lavori, si pagheranno le stesse imposte previste per l'acquisto da privato. Se invece l'impresa vende entro i 5 anni dalla fine dei lavori, l'acquirente dovrà pagare il 4% di iva, 200 euro per l'imposta di registro, 200 euro per l'imposta ipotecaria e 200 euro per l'imposta catastale. Queste tasse sono maggiorate nel caso in cui la prima casa sia un immobile di lusso, in tal caso l'imposta di registro ammonta al 9%, mentre l'imposta ipotecaria e quella catastale sono sempre di 50 euro nel caso in cui si acquisti da privato. Se invece si acquista la casa di lusso da un' impresa, si dovrà pagare il 22% di iva, più 600 euro totali per l'imposta di registro, ipotecaria e catastale.

    Deumidificatore per piscine Danvex Deh 1700wp Deumidificatore per palestre piscine aree fitness con pannello di controllo elettronico che regola il tasso di umidità e con sistema di drenaggio che puo essere collegato al flusso di drenaggio in piscina

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 2989€


    Imposte ridotte per la prima casa

    casa Per l'acquisto della prima casa, lo Stato ha stabilito un sistema tributario agevolato, per cui all'imposta di registro è applicata un'aliquota ridotta, mentre per le imposte ipotecarie e le imposte catastali viene stabilita una quota fissa da versare. Per poter usufruire di queste agevolazioni, lo Stato impone all'acquirente alcuni requisiti da possedere. Innanzitutto, la prima casa deve essere collocata nel Comune di residenza di chi intende acquistarla o quantomeno quest'ultimo deve garantire di portare la residenza in quel tale Comune entro 18 mesi dalla compravendita. In alternativa, l'abitazione può trovarsi nel Comune in cui lavora il proprietario o nel Comune in cui si trova l'attività del suo datore di lavoro, se l'acquirente si trova all'estero momentaneamente per ragioni lavorative. Nel caso in cui l'acquirente appartenga alla categoria "italiani residenti all'estero" la prima casa può essere acquistata in qualsiasi cittadina italiana.


    Tasse per l'acquisto della casa: Le imposte sulla seconda casa

    casa La seconda casa indica quell'abitazione in cui il proprietario non risiede abitualmente e che pertanto è soggetta ad una tassazione maggiore rispetto alla prima casa, sia in fase di compravendita, sia per il mantenimento della casa successivamente. Per quanto riguarda l'acquisto della seconda casa, se si acquista da privato o da costruttore dopo 5 anni dallo svolgimento dei lavori, si dovrà pagare l'imposta di registro pari al 9% del valore dell'immobile, 50 euro per l'imposta ipotecaria e 50 euro per l'imposta catastale. Nel caso in cui l'acquisto avvenga direttamente dalla casa costruttrice entro 5 anni dalla fine dei lavori, l'acquirente dovrà versare il 10% di iva e 200 euro per l'imposta di registro, 200 euro per l'imposta ipotecaria e 200 per l'imposta catastale. Come già accennato per la prima casa, anche nel caso in cui la seconda casa sia un'abitazione di lusso, le tasse da pagare comprendono il 22% di iva e 200 per ognuna delle altre tre imposte previste.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO