Piante da Giardino:
gli articoli più letti

Begonia



In questa pagina parleremo di : coltivare begonia

Il giardinaggio:


Il giardinaggio è ormai un hobby sempre più diffuso, al quale si affezionano sempre più persone. I vantaggi che esso comporta, infatti, sono moltissimi e ormai anche conosciuti. Ciò che però non bisogna trascurare è il fatto che occuparsi di giardinaggio comporta anche delle serie responsabilità. Infatti, per quanto riguarda i vantaggi, bisogna riconoscere che il giardinaggio permette di rilassarsi, passando delle ore in compagnia della natura, quindi distraendosi e, allo stesso tempo, occupare il proprio tempo libero senza poltrire in poltrona, anzi, divertendosi. Inoltre, attraverso il fai da te è possibile imparare nuove tecniche per la cura della natura, quindi imparare anche a rispettarla e a capirne il valore. Uno dei vantaggi però più conosciuti del giardinaggio, e purtroppo anche il più preso in considerazione, è che le piante scelte per la coltivazione sono scelte per il loro valore ornamentale: è risaputo, infatti, che la bellezza delle piante sia capace di rendere anche un posto molto semplice un vero e proprio paradiso terrestre, a patto che la scelta delle piante sia ben ponderata. Inoltre, soprattutto se si ha un grande spazio a disposizione, è possibile sfruttare il proprio giardino in vari modi, arredandolo in modo perfetto in modo che possa ovviare a tante esigenze. Ad esempio, installando al suo interno una piscina (in muratura o semplicemente fuori terra), è possibile permettere a se stessi e a tutti quelli che condividono la struttura di trascorrere nel giornate di sole facendo un bel bagno all’ interno di un bel giardino, oppure è possibile installare nel giardino qualche gazebo con dei tavoli e delle sedie, ove trascorrere i pranzi durante le giornate di sole, o ancora, è possibile inserire dei divanetti e qualche tavolino, in modo che parenti e amici possano essere ricevuti li o da poter usare questo spazio per trascorrere delle ore in giardino , magari leggendo o semplicemente rilassandosi.

Da non dimenticare è poi l’ utilità del giardinaggio quando si sceglie di coltivare piante da orto o da frutteto: la produzione ovviamente dipende dallo spazio e dalle piante a disposizione, ma i frutti e le verdure sono sempre saporiti e salutari e, ovviamente, di sicura provenienza.

Quando si coltiva un giardino non bisogna però dimenticare che tutte le piante sono dei veri e propri esseri viventi, e che in quanto tali hanno delle specifiche esigenze. Le piante, infatti, necessitano di cure e attenzioni, che devono essere date loro per garantirne una perfetta salute e, quindi, anche la bellezza estetica e una buona produzione.

Quando si compra una pianta, quindi, bisogna fare attenzione a quali sono i suoi tempi, le sue necessità, come vanno effettuate, su di lei, tutte le pratiche colturali, di quale terriccio e di quale esposizione necessita ecc ecc.

Una pianta molto apprezzata è senza dubbio la Begonia.

Informazioni :


coltivazione begonia La famiglia delle begoniaceae è sicuramente molto ampia, inquanto comprende più di mille specie e circa 10.00esemplari tra cultivar ed ibridi.

Le begonie costituiscono una specie appartenente alla famiglia delle Begoniaceae. In base alle loro radice, gli esemplari di questo genere si suddividono in tre grandi gruppi: Il primo è costituito dalle “Begonie con radice rizomatosa”, che sono piante sempreverdi con delle foglie di vari colori, i fusti striscianti e i fiori abbastanza piccoli. La loro particolarità, però, sta nel fatto che posseggono, invece, delle normali radici, un rizoma, ovvero un fusto perenne sotterraneo che funziona anche come organo di riserva, quindi svolge tutte le funzioni delle radici; il secondo gruppo è delle “Begonie con radice tuberosa”, ovvero piante di vario tipo ( sia annuali che perenni), i cui fiori sono grandi e molto appariscenti, sia semplici che dpi. Le loro radici sono formate da un grosso tubero nero; IL terzo gruppo, infine, è quello delle “begonie con radice fascicolata”, ovvero delle piante sempreverdi, alcune delle quali sono arbustive, altre hanno un andamento strisciante, mentre i fiori sono a pannocchia. Le loro radici sono fascicolate affastellate, ovvero le radici secondarie si accrescono tanto quanto la radice principale.

In comune, tutte questre tre categorie, hanno il fatto che le foglie sono asimmetrice e alternate e che si tratta di piante monoiche, ovvero che una pianta ha sia i fiori maschili che quelli femminili, che però sono diversi fra loro.

I fiori maschili in genere sono più appariscenti e composti da quattro tepali ( i tepali sono elementi costituenti dei fiori ove non c’è da distinzione tra corolla e calice), le cui dimensioni sono molto varie. I fiori femminili sono invece formati da quattro tepali tutti di uguali dimensioni tra loro e da un ovario, che, se fecondato, produce un frutto chiamato capsula, di forma triangolare e contenente tanti piccoli semi.

Informazioni :


begonia La famiglia delle begoniaceae è sicuramente molto ampia, inquanto comprende più di mille specie e circa 10.00esemplari tra cultivar ed ibridi.

Le begonie costituiscono una specie appartenente alla famiglia delle Begoniaceae. In base alle loro radice, gli esemplari di questo genere si suddividono in tre grandi gruppi: Il primo è costituito dalle “Begonie con radice rizomatosa”, che sono piante sempreverdi con delle foglie di vari colori, i fusti striscianti e i fiori abbastanza piccoli. La loro particolarità, però, sta nel fatto che posseggono, invece, delle normali radici, un rizoma, ovvero un fusto perenne sotterraneo che funziona anche come organo di riserva, quindi svolge tutte le funzioni delle radici; il secondo gruppo è delle “Begonie con radice tuberosa”, ovvero piante di vario tipo ( sia annuali che perenni), i cui fiori sono grandi e molto appariscenti, sia semplici che dpi. Le loro radici sono formate da un grosso tubero nero; IL terzo gruppo, infine, è quello delle “begonie con radice fascicolata”, ovvero delle piante sempreverdi, alcune delle quali sono arbustive, altre hanno un andamento strisciante, mentre i fiori sono a pannocchia. Le loro radici sono fascicolate affastellate, ovvero le radici secondarie si accrescono tanto quanto la radice principale.

In comune, tutte questre tre categorie, hanno il fatto che le foglie sono asimmetrice e alternate e che si tratta di piante monoiche, ovvero che una pianta ha sia i fiori maschili che quelli femminili, che però sono diversi fra loro.

I fiori maschili in genere sono più appariscenti e composti da quattro tepali ( i tepali sono elementi costituenti dei fiori ove non c’è da distinzione tra corolla e calice), le cui dimensioni sono molto varie. I fiori femminili sono invece formati da quattro tepali tutti di uguali dimensioni tra loro e da un ovario, che, se fecondato, produce un frutto chiamato capsula, di forma triangolare e contenente tanti piccoli semi.

Tecniche di coltura ed esposizione:


begonia Le begonie sono piante molto belle, ma che necessitano di determinate cure, proprio come tutte le altre piante. Bisogna assecondare le loro esigenze per fare in modo che la pianta sia sempre bella, con una buona produzione e che non presenti segni di malessere. Per raggiungere quest’ ultimo scopo, bisogna che la pianta non abbia nemmeno internamente un malessere, e ciò può essere messo in pratica soltanto curando la pianta secondo le sue esigenze e le sue preferenze. Sappiamo che le begonie devono essere posizionate in luoghi di ombra, ma anche di buona esposizione al sole: in poche parole, esse devono essere raggiunte dalla luce del sole, tuttavia devono anche essere posizionate in luoghi un po’ in ombra. Bisogna preservarle assolutamente dalle correnti di aria fredda, in quanto, trattandosi di piante provenienti dalle aree tropicali e subtropicali, non sono capaci di sopportare il freddo. La temperatura ideale per queste begonie sarebbe intorno ai 18/20 grandi, ovviamente però tenere l’ ambiente a questa temperatura è un po’ difficile se non si dispone di serre, o se nelle serre si coltivano anche altre piante. Per cui, l’ importante è che di inverno la temperatura non scenda al di sotto dei 7 gradi.

Per quanto riguarda l’ esposizione, sia le begonie rizomatose che quelle tuberose amano l’ esposizione alla luce del sole, ma non in modo diretto. In estate vivono meglio in zone in ombra, soprattutto se la temperatura è abbastanza alta (20 gradi), mentre in inverno la temperatura idelae si aggira intorno ai 10 gradi.

Annaffiature e concimazione:


Le innaffiature e le concimazioni sono pratiche molto importanti per la pianta, in quanto le permettono di ottenere il nutrimento e l’ acqua di cui necessitano per svolgere tutte le loro funzioni vitali.

Per quanto riguarda le innaffiature, queste devono essere abbastanza frequenti, ma si deve fare attenzione a non innaffiare nuovamente la pianta che ha ancora un terriccio bagnato: in poche parole, la successiva innaffiatura deve essere fatta quando la pianta ha il terriccio asciutto. Ovviamente le innaffiature per le begonie devono essere più frequenti durante il periodo estivo, dove molto importante è anche la vaporizzazione delle foglie, mentre devono ridursi drasticamente durante il periodo invernale.

Per quanto riguarda invece la concimazione, questa viene sospesa durante l’ inverno, per poi essere praticata ogni quindici giorni durante la primavera e l’ estate. Il tipo di concime di cui le begonie necessitano è un concime in cui il potassio predomina. In commercio ne esistono di tanti tipi, ma la cosa più importante è informarsi su qual’ è la composizione di tali concimi. Per queste piante è necessario che il concime contenga del potassio, dell’ azoto e del fosforo, ovvero dei macroelementi, oltre ai quali è necessario che vi siano anche i microelementi, ovvero il Ferro, il Manganese, il Rame , ilBoro, il Molibdeno e lo Zinco.

Potatura:


La potatura delle piante di Begonia è mirata soprattutto a rimuovere gli elementi, ovvero i rametti e le foglie, ormai inutili. Nelle specie a radici fascicolate, i rami vanni tagliati a marzo , ossia prima che si effettui il rinvaso. Si deve fare in modo da rimuovere tutti i rami inutili per la pianta, quelli che impediscono che il sole raggiunga tutte le sue parti o quelli che ormai sono danneggiati o non producono più dei fiori. Nelle specie molto rigogliose, è buon uso evitare che la pianta sviluppi rami molto sottili e lunghi, tagliandoli precedentemente. Per ottenere dei fiori particolarmente grandi, è possibile lasciare alla pianta soltanto il fusto, con pochi rametti laterali.

Per quanto riguarda il rinvaso, è consigliabile che quando le piante sono abbastanza piccole, anche i vasi siano di piccole dimensioni, magari di una profondità di circa 8 cm. Appena nascono i primi germogli, le piante vanno poi inserite in vasi medi di cira quindici centimetri. Infine, magari dopo un anno di vita, le piante vanno rinvasate in vasi di circa 20 cm.

Begonia : Parassiti e malattie:


I malesseri che le piante di Begonia possono manifestare in genere sono tre. In questo paragraso sarà possibile vedere come identificarne la causa e come combatterla.

Uno dei malesseri più frequenti che le piante di Begonie manifestano è quella di avere delle foglie con grosse bruciatore. In questo caso, come si può facilmente capire, le piante hanno un malessere dovuto dalla troppa esposizione al sole in modo diretto. Tale effetto si moltiplica se sulle piante è stata spruzzata anche dell’ acqua durante l’ esposizione. A questo problema si può ovviare in modo molto semplice, ovvero sistemando la pianta in un luogo più idoneo, non con esposizione diretta al sole.

Un altro problema può essere quello rappresentato da una pianta che non riesce a mantenersi dritta. Questo è un problema che colpisce le begonie quando sono sottoposte a troppe annaffiature o ad una temperatura troppo elevata (caldo eccessivo). A questo si può ovviare riducendo l’ apporto di acqua dato alla pianta, e facendo in modo che il terriccio si asciughi bene, oppure, spostando la pianta in un luogo più fresco.

Terzo ed ultimo problema è quello della comparsa di muffa grigia sulle foglie esui fiori. Questa potrebbe essere la manifestazioni del fungo Botrytis cinerea, molto dannoso e presente soprattutto grazie all’ umidità. Sul fusto, la sua comparsa potrebbe manifestarsi con lesioni di colore marrone scuro. Questo problema può essere risolto aumentando la ventilazione della pianta, evitando però di creare correnti di aria fredda e lasciando che la pianta di asciughi per bene, dopo di che applicando dei fungicidi specifici.


begonia cura
begonia cura

La begonia appartiene alla famiglia delle begoniaceae ed è diffusa in tutte le regioni, da quelle tropicali a quelle temperate calde. Ne esistono circa 900 specie, di cui la maggior parte perenni, che ...

visita : begonia cura
pianta begonia
pianta begonia

Il giardinaggio è ormai un hobby sempre più diffuso, al quale si affezionano sempre più persone. I vantaggi che esso comporta, infatti, sono moltissimi e ormai anche conosciuti. Ciò che però non biso ...

visita : pianta begonia


  1. Commenti
  2. Invia ad amico

commenti

nome:

email:

commento :

Invia articolo ad un amico










Articoli Correlati


begonia
La begonia

Ci sono due tipi di begonie: quelle ottenute da semi e quelle da bulbi. Le begonie da seme, tendono a crescere un po' più piccole e sono abbastanza difficili da coltivare, mentre quelle nate da bulbi, ...

Vai alla pagina La begonia
pianta da giardino
Piante da Giardino

Per chi si occupa di giardinaggio è molto importante sapere quali sono le piante da giardino, o almeno conoscere le più diffuse. Le piante cosiddette “da giardino”, sono per lo più piante la cui sce ...

Vai alla pagina Piante da Giardino
Giardinaggio

Attraverso il fai da te è anche possibile dedicarsi al giardinaggio, ovvero a tutte quelle operazioni necessarie per rendere il giardino di casa propria accogliente e bello, così come è possibile effe ...

Vai alla pagina Giardinaggio
orchidee
Coltivare orchidee

Le orchidee sono da sempre fiori molti apprezzati per la loro bellezza e per il loro valore ornamentale. Proprio per questo, vengono spesso utilizzate nelle composizioni di fiori recisi, o come piante ...

Vai alla pagina Coltivare orchidee