impianto idraulico



In questa pagina parleremo di : impianto idraulico

Le tre funzioni principali dell'impianto idraulico


Le funzioni che un buon impianto idraulico deve assolvere sono tre: fornire acqua all'abitazione, in quantità continua, che sia necessaria per l'igiene, per il cibo e per il lavaggio dei vestiti. Distribuire quest'acqua attraverso le tubature in ogni stanza della casa che abbia sbocchi idraulici. Smaltire quelle che comunemente vengono definite acqua nere, ovvero quelle da scarico, che comprendono detersivi, sapone e rifiuti organici.


Sottosistemi impianti idraulici


A seconda dello stato delle acque e del sistema idraulico comunale, possono risultare necessari dei sottosistemi, che fungano da ausilio a quello principale. Un chiaro esempio è quello della potabilizzazione dell'acqua che, se non garantita dal comune, dev'essere operata in ambito domestico attraverso un proprio sistema di filtri.


Struttura impianto idraulico


impianto idraulicoEsso sfrutta una singola colonna verticale che si occupa dell'adduzione, o più, a seconda di com'è strutturata la pianta della struttura. Da queste colonne poi partono le varie tubature, che si occupano della distribuzione dell'acqua chiara a tutte le abitazioni dell'edificio. Non vanno poi dimenticate le colonne verticali addette esclusivamente allo smaltimento delle acque nere, le quali necessitano di un diametro superiore rispetto alle altre.

Ogni singola abitazione è dotata di una presa con accesso alle tubature per le acque chiare, dalla quale partoni le tubazioni per lo scaldabagno, l'acqua fredda e calda. Ovvio poi che ogni singolo apparecchio sia dotato anche di uno scarico, le cui tubature hanno accesso alla colonna verticale addetta alle acque nere. Questa colonna si sviluppa, come detto, in maniera verticale, e il vertice più alto presenta un comignolo, atto allo sfiatamento sia del gas che dell'aria, al fine d'ottenere uno smaltimento a norma di legge, che non preveda dunque alcun rigurgito.


Pressione acqua


impianto idraulicoNon sempre il percorso effettuato dall'acqua è così lineare, partendo dalle tubature e arrivando dunque direttamente fino ai nostri rubinetti. Molto spesso infatti essa può passare in precedenza attraverso un'autoclave, ovvero un particolare serbatoio, che al suo interno mantiene una pressione costante, che sia in grado di far arrivare l'acqua necessaria anche ai piani posti più in alto. Ciò è necessario in molti casi, dal momento che la sola pressione prodotta dall'acquedotto potrebbe non bastare.

Sono molti gli edifici dalle dimensioni ridotte nei quali si installano dei serbatoi appositi nel sottotetto. Questo serbatoio aggiuntivo entra in funzione ogni volta che la pressione non dovesse bastare a fornire acqua a tutti. Al suo interno viene inserito un galleggiante, connesso con un rubinetto, il quale si apre non appena il livello dell'acqua inizia a calare. Aprendosi, esso mette in funzione la pompa dell'acquedotto, quella cioè che ha il compito di portare acqua. Una volta che il livello dell'acqua si è ristabilito il rubinetto viene richiuso.


Consumo acqua


Ogni impianto che si rispetti presenta un rubinetto principale che, essendo connesso al contatore, consente di ottenere una misurazione precisa del consumo d'acqua effettuato. Inoltre tale rubinetto consente di chiudere del tutto l'impianto, impedendo ogni profusione d'acqua, cosa necessaria soprattutto in caso di manutenzione, o magari di partenza per delle lunghe vacanze.


Water


Solitamente le tubature atte allo scarico sono poste nella parte bassa delle mura o della pavimentazione, terminando infine nella braga, che viene installata solitamente al di sotto del water, in cui confluisce infine lo stesso scarico per le acque nere.

Al di sotto di ogni water viene posizionato il sifone, che permette il passaggio dell'acqua in direzione dello scarico. Il sifone sarà sempre pieno almeno a metà, e in questo modo si impedirà la risalita di maleodoranti gas direttamente dallo scarico fognario.

Ogni water ha una bocchetta del troppo pieno, collegata al sifone, e da questo allo scarico, al fine di far defluire l'acqua verso lo scarico, senza farla strabordare, in caso si lasciasse un rubinetto aperto tappato.





  1. Commenti
  2. Invia ad amico

commenti

nome:

email:

commento :

Invia articolo ad un amico










Articoli Correlati


impianto idraulico
Impianto idraulico fai da te

Quando si parla di impianto idraulico fai da te, è necessario evidenziare quali sono i tipi di interventi che si possono fare senza correre rischi. In ogni caso, anche per piccoli interventi, sono com ...

Vai alla pagina Impianto idraulico fai da te
Alcune note
sistemi antiallagamento

I sistemi antiallagamento sono un elemento di notevole e indiscutibile importanza all’interno dei nostri edifici e delle nostre abitazioni. Ovviamente, in maniera intuibile, si è fatto molto negli ult ...

Vai alla pagina sistemi antiallagamento
cambiare guarnizione rubinetto
Cambiare la guarnizione di un rubinetto che gocciola

Chiamare un idraulico solo per sostituire una guarnizione potrebbe costarci molto più del previsto, vediamo quindi come risolvere il problema da soli con un poco di manualità. ...

Vai alla pagina Cambiare la guarnizione di un rubinetto che gocciola
lavandino
Come installare un lavandino

Più è ampia la gamma a disposizione e più la scelta diventa difficile e la varietà di articoli sanitari sul mercato è davvero numerosa. Come spesso accade, la cosa migliore è quella di mediare tra il ...

Vai alla pagina Come installare un lavandino