Amministratore condominiale: revoca giudiziale e condizioni

In quali casi Ŕ possibile rimuovere l'amministratore di condominio

L'11 dicembre 2012 Ŕ stata approvata la legge n. 220 che ha apportato aggiornamenti riguardo alla gestione dei condomini, legge che successivamente, con Decreto legge n. 145/2013, Ŕ stata modificata e completata in alcune parti. La riforma del condominio ha, di fatto, ampliato la norma precedente, inserendo una serie di dettagli non meglio, prima, specificati.

Tra le nuove norme sancite - come quella di garantire ai cond˛mini l'accesso agli atti e di tenerne copia - sono state riformulate anche quelle riguardanti la rimozione dell'amministratore. Il periodo di carica dell'amministratore Ŕ di un anno e questo si intende rinnovato per un altro anno ancora a meno che, i cond˛mini, non decidano di rimuoverlo ancor prima della scadenza naturale del suo contratto. Questo pu˛ essere fatto in qualunque momento e senza particolari motivi, semplicemente convocando un'assemblea di condominio in cui la maggioranza decreta la decandenza della sua funzione. Un altro caso in cui pu˛ essere rimosso l'amministatore Ŕ quello che prevede l' intervento dell'AutoritÓ Giudiziaria.

riunione

OOFAY LIGHT® G95 Lampadina a LED dimmerabile sfera pere E27 6 W 600 LM 2800 - 3200 K K 6 COB Bianco Caldo AC 220 - 240 [energia classe A]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15€


Casi di rimozione giudiziale dell'amministratore

amministratore La nuova riforma della gestione del condominio, ai comma n. 11 e n. 12 dell'articolo 1129, chiarisce nel dettaglio e in modo definitivo, quali siano i motivi gravi in seguito ai quali poter richiedere la rimozione giudiziaria dell'amministratore condominiale.

Di seguito, i casi pi¨ importanti.

- Il non aver convocato l'assemblea di condominio al fine dell'approvazione del rendiconto condominiale.

Ogni fine anno l'amministratore deve presentare il resoconto della gestione; ai fini della rimozione giudiziale, per˛, Ŕ necessario che il rendiconto non sia stato presentato per due anni consecutivi;

- il non aver convocato l'assemblea ai fini della rimozione o nomina dell'amministratore (nel caso in cui l'amministratore rifiuti ripetutamente di farlo);

-la mancata esecuzione delle delibere dell'assemblea (gli atti in cui si dispone per la gestione delle cose comuni) o per quella di provvedimenti giudiziali o amministrativi. In quest'ultimo caso, inoltre, i condomini possono richiedere il risarcimento dei danni eventualmente arrecati per l'omissione;

- la mancata apertura e/o utilizzo del conto corrente condominiale. L'amministratore Ŕ infatti tenuto ad aprire un conto corrente dove far transitare tutti i flussi sia in entrata che in uscita riguardanti il condominio. L'obbligo dell'apertura del conto serve proprio a garantire una maggiore trasparenza della gestione del denaro dei cond˛mini;

- per gravi irregolaritÓ della gestione (ad esempio gestire in modo da creare confusione tra il patrimonio del condominio e quello dell'amministratore o di un altro cond˛mino);

- per non aver curato diligentemente una eventuale azione giudiziaria per la riscossione di somme dovute al condominio;

- l'aver fornito in modo inesatto o del tutto omesso i propri dati anagrafici o riguardanti la professione, al momento della nomina o della revoca dell'incarico.

WEONE sostituzione potente metallo 4W 11lb 5kg 0.5A elettrico di sollevamento Magnete Tenere elettromagnete 9V DC 50N ZYE1-P25 / 20

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,09€
(Risparmi 7,2€)


ModalitÓ per la revoca giudiziale

amministratore In seguito al verificarsi di una o pi¨ delle condizioni esposte, i cond˛mini possono decidere di rimuovere l'amministratore in sede di assemblea condominiale. Questo primo tentativo Ŕ il presupposto senza il quale sarÓ impossibile rivolgersi, in seguito, all'AutoritÓ giudiziaria.

Anche nel caso in cui un solo cond˛mino abbia sospetti di operato irregolare da parte dell'amministratore, egli pu˛ richiedere che venga convocata l'assemblea. Se, in questa sede, tra i vari partecipanti non si raggiunge un accordo per rimuovere l'amministratore dal proprio incarico, il cond˛mino che ha richiesto l'assemblea, pu˛, in modo completamente autonomo, rivolgersi direttamente all'AutoritÓ e richiederne l'intervento.


Amministratore condominiale: revoca giudiziale e condizioni: Cause

firma Il motivo per cui anche il singolo cond˛mino o solo una parte dei cond˛mini possa richiedere la revoca giudiziale, deriva dal fatto che il condominio come tale non Ŕ riconosciuto come "persona giuridica". Chiunque sia, in ogni caso, a richiederne la revoca, esso dovrÓ presentare solo la motivazione della richiesta, quindi il suo diritto a richiedere all'amministratore di ottemperare agli obblighi della gestione, mentre sarÓ l'amministratore ad avere l'onere della prova, presentando il fatto estintivo della richiesta di revoca, documentando di aver adempiuto ai suoi obblighi cosý come previsto in termini di legge.



COMMENTI SULL' ARTICOLO