Come progettare una cucina a U

Considerazioni preliminari

Esistono diverse possibilità per disporre nel modo più funzionale possibile l'arredamento e gli elettrodomestici all'interno della propria cucina. Su tutte la disposizione a U è probabilmente la più funzionale di tutte. Questa disposizione permette, alla persona che la utilizzerà, di avere le principali zone di lavoro disposte tutte intorno, in modo da evitare spostamenti troppo frequenti. La cucina a U utilizza tre pareti di una stanza. È sicura, efficiente, offre il massimo spazio di contenimento e di lavoro ed è adatta sia agli ambienti di dimensioni ridotte che in ampi spazi, anche se in questo ultimo caso, lo svantaggio maggiore sarebbe quello di ritrovasi a dover percorre lunghe distanze a causa della lontananza tra le superfici di lavoro. Ecco perché è necessario calcolare bene la superficie reale disponibile dell'ambiente e lo spazio residuo dopo l'installazione dei mobili. Nel paragrafo successivo vi spieghiamo una regola di base per capire se la disposizione della cucina a U fa al caso vostro.

esempio di cucina moderna a U

mr-label ® 70 pcs Blank Kraft Labels - Self Adhesive adesivi per la decorazione regalo | mano artigianale | Finishing Touch (dimensioni: 38 * 17 mm), 10 feuilles / 700 étiquettes

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,98€


Prendiamo le misure

cucina moderna ad u Abbiamo detto che la disposizione della cucina a U è adatta anche agli ambienti di ridotte dimensioni. Tuttavia, se si vuole permettere a più persone di utilizzare contemporaneamente la cucina, esistono delle misure minime al di sotto delle quali non è conveniente disporre a U i mobili, ma anzi sarebbe da preferire la disposizione su due lati in linea posti in parallelo. In linea di massima possiamo prendere come punto di riferimento il lato più corto che compone la U, questo non deve essere di lunghezza inferiore ai 2 metri. In questo modo si lascia spazio sufficiente per permettere a una persona di poter aprire cassetti e ante mentre, allo stesso tempo, un’altra passa comodamente dietro senza urtare nessuno. Una volta fatte queste considerazioni, bisogna studiare il modo migliore per disporre gli apparati principali della cucina: il lavabo, il piano cottura ed il frigorifero.


  • penisola curva Dagli anni cinquanta ad oggi le cucine hanno radicalmente mutato l'aspetto estetico e la loro funzionalità. La costante evoluzione degli elettrodomestici progettati per velocizzare la preparazione deg...
  • esempio di cucina moderna Tante sono le idee per un'ottima ristrutturazione della cucina di un'abitazione che permetta un efficiente utilizzo degli spazi. Infatti, proprio per garantire una totale fruibilità dell'ambiente, sen...
  • cucina in muratura scavolini La cucina è una delle stanze più importanti di un’ abitazione: in essa, infatti, viene trascorso moltissimo tempo nel corso di tutta la giornata. E’ infatti, il luogo in cui si cucina, ma spesso e v...
  • cucina rustica in muratura La cucina in muratura è una soluzione d'arredo in grado di rispondere ai gusti ed alle esigenze di arredo più diverse. Si tratta infatti di una cucina unica e costruita artigianalmente in modo da coni...

CinCin La cura del corpo tridimensionale Jiao Zi onde Nizza ammortizzatore inferiore buchi Nizza inferiore cuscino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 40€


Cucina a U e area di lavoro

disposizione cucina a U In una cucina a U ben progettata, la zona cottura deve avere una predisposizione ben precisa degli apparati principali tra di loro. Il lavabo, il piano cottura e il frigorifero vanno considerati come punti fermi che, uniti tra di loro con delle linee, dovranno formare un triangolo al centro della cucina. Tale triangolo viene comunemente considerato area di lavoro. Inoltre è buona norma posizionare il lavabo non troppo vicino al piano cottura, per evitare che schizzi d'acqua finiscano sui fuochi oppure addirittura in padelle contenenti olio bollente, rischiando di provocare un incendio. Una volta decisa la predisposizione migliore, sempre in modo da formare il suddetto triangolo con gli apparati principali, bisognerà riadattare la posizione di tutti gli attacchi idrici, elettrici e del gas.


Come progettare una cucina a U: Esempi di composizione di cucina a U

cucina a U Non esiste un modo preciso per progettare la propria cucina a U perfetta, in quanto questa non solo deve adattarsi allo spazio a disposizione, ma anche essere compatibile con le proprie abitudini e al numero di persone che la utilizzeranno. In linea generale però si possono definire delle regole di base e prendere spunto da altri progetti per creare la propria cucina dei sogni. Cominciamo con la prima e più importante regola: di posizionare all'inizio e alla fine della composizione della cucina gli armadi contenitori e gli elettrodomestici grandi come il frigorifero. Questo per non interrompere i piani di lavoro. La seconda regola è quella dello sfruttare al massimo gli angoli, che nella cucina a U sono 2. Nelle cucine a U moderne spesso si vede il lavabo posto proprio in uno degli angoli, munito di sottolavabo ad ante per riporre i vari secchi della spazzatura e i detergenti. Nell'altro angolo si può posizionare un magic corner come quello mostrato nella foto. Un'altra peculiarità delle cucine a U moderne è la presenza di una penisola alla fine del braccio della composizione opposto agli apparati. Questa soluzione è tipica degli ambienti open space, dove la cucina prosegue e si completa nel soggiorno. Questa penisola, oltre a fungere da estensione dei piani di lavoro, esprime la sua massima funzionalità se posizionata a sbalzo, così da permettere di essere sfruttata anche per consumare pranzi e la colazioni.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO