Case antisismiche

Le case antisismiche

I terremoti possono distruggere completamente case ed edifici commerciali, con danni enormi a persone e cose. Ecco perché è importante avere strutture adeguate per farvi fronte.

Quali caratteristiche deve avere una casa antisismica? Per prima cosa, la struttura muraria deve essere adeguata e robusta.

Gli edifici a prova di terremoto sfruttano un particolare tipo di isolamento nella pavimentazione, al fine di separare la struttura dalle onde sismiche. Ciò significa che la base sarà resistente, ma nello stesso tempo flessibile. La base isolante si andrà a spostare con l'onda sismica, mentre la struttura principale farà rimanere stabile la casa. Il sistema di isolamento di base è costituito da due parti: le unità che la separano dalle fondamenta e le componenti che collegano le unità di isolamento al resto dell'edificio. Occorre introdurre dei rinforzi in acciaio, rivestiti in muratura armata, che possono essere sia incorporati nei giunti di malta, che inseriti in fori appositi e riempiti successivamente con cemento o malta. Un metodo di rinforzo alternativo è costituito dal cemento armato. Esso comporta l'aggiunta di barre di rinforzo in acciaio (chiamate barre di armatura) o di fibre nel calcestruzzo, andando a rafforzare un materiale altrimenti fragile. Travi, colonne, pavimenti e ponti sono gli elementi che ne beneficeranno.

Case antisismiche

Banksy Wizard of Oz Stop and Search Decal Vinile da Parete / Adesivi per la Casa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21€


La precompressione

precompressione Case antisismiche Una tecnica molto utilizzata e particolarmente efficace per far fronte ai terremoti è la precompressione. Essa richiede la creazione deliberata di punti di stress irreversibili su un edificio, al fine di aiutarlo a sopportare sollecitazioni sismiche anche di una certa importanza. La precompressione può coinvolgere esclusivamente manovre compressive (con il peso proprio della struttura), un pre-tensionamento (utilizzando tendini ad alta resistenza) o una post-tensione (che sfrutta invece elementi ad alta resistenza ancorati a cavi non aderenti direttamente alle superfici dell'edificio). Una tipologia particolare di cemento armato è appunto quella precompressa. In aggiunta a travi, pavimenti o ponti, esso garantisce una resistenza alla tensione più elevata rispetto a quella del tradizionale cemento armato.

  • Alcune note In molte occasioni sentiamo parlare di case prefabbricate moderne: talvolta nella giusta maniera e qualche altra volta in contesti assolutamente differenti e forse pure fuori luogo. Ma, in tutti i cas...
  • Alcune note In molte occasioni sentiamo parlare di case prefabbricate antisismiche: talvolta nella giusta misura e qualche altra volta in ambienti assolutamente diversi e forse pure senza una corretta contestuali...
  • Alcune note In molte occasioni sentiamo parlare di case prefabbricate risparmio energetico: talvolta nella giusta maniera e qualche altra volta in contesti assolutamente differenti e forse pure fuori luogo. Ma, i...
  • rischio sisimico Per prima cosa è importante conoscere la valutazione del rischio sismico della propria Regione: presso il Comune di residenza o la Protezione Civile è possibile richiedere le mappe di classificazione ...

Rampa di carico fissa in alluminio, lunghezza 2,5 mt

Prezzo: in offerta su Amazon a: 121,44€


Case antisismiche: Le precauzioni da tenere per la costruzione di una casa antisismica

Dal momento che i terremoti non sono così rari nel nostro Paese, costruttori, architetti e proprietari di immobili si devono impegnare nella costruzione di abitazioni antisismiche. Molte imprese di costruzioni sono specializzate in questo tipo di strutture. Anche se nessun progetto può impedire di escludere tutti danni del terremoto, una struttura muraria adeguata li arginerà notevolmente.

Le travi portanti devono essere specificatamente progettate per resistere alle sollecitazioni sismiche. Esse, se realizzate con supporti di acciaio, permettono di proteggere la linea dell'edificio e diminuire la possibilità di ribaltamento della stessa. Tutti i piani rialzati devono essere costruiti con un materiale leggero, simile a quello del tetto. I materiali più adatti sono il compensato (truciolare o in legno chiaro), implementato da travetti imbullonati saldamente al pavimento.

E' essenziale assicurarsi che l'edificio resista alle pressioni sismiche anche lateralmente. Per questo motivo, il tetto deve avare un materiale leggero. Se la casa sorge su un pendio, è bene posizionarla leggermente in diagonale, per resistere al peso dei carichi laterali di detriti.

Il legno, anche se leggero, offre una forte resistenza ai terremoti. E' bene rivestire con esso le fondamenta e le pareti, ed ancorarle in sede tramite chiodi e borchie, per aumentare la resistenza sismica della struttura. L'installazione dei pannelli dovrà essere completata con adeguate coperture del muro e travetti orizzontali, che andranno a comporre i pavimenti e le travi che sostengono il tetto. Un altro importante accorgimento è quello di mettere in opera un sistema di pannelli di grandi dimensioni per le residenze abitative. I costruttori avranno cura di installare pannelli in calcestruzzo verticalmente e orizzontalmente, per circondare le singole unità in un edificio composto da più appartamenti. Questi pannelli preservano l'integrità strutturale dell'edificio.

Il sistema di costruzione più efficiente è sicuramente quello modulare, che prevede pareti in grado di resistere alle oscillazioni causate dai terremoti in entrambe le direzioni.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO