Abbattimento barriere architettoniche

Definizione di barriera architettonica

Per barriere architettoniche si intendono tutti gli ostacoli fisici che limitano, impediscono o possono creare disagio a persone affette da riduzione motoria o da limitazioni, anche temporanee, nella mobilità. Tra queste rientrano gli ostacoli che impediscono l’uso in sicurezza di attrezzature, comprese l’assenza di segnalazioni che impediscono di individuare luoghi o fonti potenzialmente pericolose, in particolar modo per ipovedenti, non vedenti o sordi.

Concettualmente quindi la barriera architettonica rappresenta qualunque ostacolo che limita o nega il libero ed agevole utilizzo, ai tutti i cittadini, di spazi e strutture. La percezione del concetto di barriera è molto diversa a seconda delle caratteristiche personali di ognuno, il legislatore ha pertanto dovuto individuare dei parametri comuni di riferimento, adatti alle diverse casistiche e tali da consentire, alla maggior numero possibile di persone, la libertà di movimento.

Abbattimento barriere architettoniche

SEDUTE DI RICAMBIO, PAGLIA VERA DI FIUME, RICAMBIO SEDIA, MODELLO PISA, ART.02 (NR.6 SEDUTE)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 40,9€


Criteri per costruire la casa senza barriere architettoniche

costruire la casa senza barriere architettonicheCostruire una casa o un edificio senza barriere architettoniche è determinante, in termini di accessibilità e visitabilità, per la qualità di vita dei suoi abitanti e degli altri fruitori.

L’assenza di barriere architettoniche consente, anche alle persone di ridotta mobilità, di accedere alla casa in piena libertà e autonomia e di poter usufruire di spazi adeguatamente attrezzati per lo svolgimento delle proprie funzioni.

Un altro criterio fondamentale nella costruzione della casa è quello di adattabilità. Ciò significa che ogni area dell’edificio viene progettata e realizzata in modo tale da poter essere modificata facilmente ed a costi ragionevoli.

Costruire una casa senza barriere architettoniche vuol dire rispettare criteri standard come la misura delle porte, compreso l’ingresso, di larghezza minima di 80 cm. e senza gradini. Gli spazi percorribili orizzontalmente devono essere larghi almeno 120 cm. e non devono avere scale. Se la casa ha più di un piano deve esserci un ascensore largo almeno 110 x 140 cm. e con tempi di apertura e chiusura che consentano l’ingresso di una sedia a rotelle o altro sussidio motorio per disabili. Infine i servizi igienici devono avere dimensioni minime di 165 x 180 cm.

Le regioni e province italiane riconoscono ai portatori di handicap, o di menomazioni permanenti, un contributo economico a titolo di risarcimento, per lavori di abbattimento delle barriere architettoniche nell’immobile di residenza, per un importo pari al 25% della spesa sostenuta fino ad un contributo massimo di 7.101,28 euro. In caso di riconosciuta impossibilità da parte del diretto interessato, la domanda di rimborso può essere presentata dai familiari o da chi ne esercita la tutela o potestà.

    Andoer® RZE-100 100m/328ft Metro della distanza di laser Cercatore della gamma Misura della distanza Area Volume con bolla del livello

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 58,99€
    (Risparmi 7,59€)


    Abbattimento barriere architettoniche: La normativa nazionale in materia

    La normativa nazionale di riferimento è data prioritariamente dalla Legge 13/89. Lo spirito e la finalità della legge è interamente volto all’adozione di criteri atti ad evitare l’insorgere di barriere architettoniche, e deve essere applicata sia in fase di progettazione che in quella di costruzione. L’obbligo si estende anche agli edifici costruiti in data precedente a tale normativa, ed impone l’adeguamento alle linee guida in caso di ristrutturazione.

    In particolare il D.M. 236/89, elenca nel dettaglio i parametri tecnici e dimensionali necessari per il rispetto degli standard qualitativi, differenziandoli per ogni tipologia di spazio e di edificio. Il decreto individua elementi quali le dimensioni delle porte, degli spazi adibiti al movimento e degli ascensori. Stabilisce anche i requisiti fondamentali per i servizi igienici, le caratteristiche delle scale e la pendenza delle rampe. Inoltre elenca le diverse casistiche e ne definisce le necessità.

    L’art. 32 della Legge 41/86 e l’art. 24 c.9 della Legge 104/92 ha predisposto i cosiddetti P.E.B.A., Piani per l'Eliminazione delle Barriere Architettoniche, strumenti atti ad individuare le situazioni di impedimento, rischio ed ostacolo, sia dentro gli edifici che negli spazi pubblici. I P.E.B.A. intervengono in fase preliminare al progetto di costruzione vero e proprio. La loro funzione è quella di prevedere in anticipo gli inconvenienti derivanti dall’insorgere di eventuali barriere architettoniche, onde predisporre i servizi più adatti a realizzare un ambiente accessibile e vivibile ad ogni persona, anche svantaggiata.

    Tra le varie agevolazioni è’ possibile fruire di una detrazione Irpef del 50% per lavori di ristrutturazione, finalizzati alla rimozione delle barriere architettoniche, per una spesa non superiore ai 96.000 euro.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO