Risparmio energetico:
gli articoli più letti

Fotovoltaico fai da te



In questa pagina parleremo di : fotovoltaico

partecipa al nostro quiz su : conosci le tecniche del fai da te?
conosci le tecniche del fai da te?

Perchè conoscerlo:


In un ‘ epoca di crisi come questa, ove il risparmio e , quindi, i guadagni, sono sempre minori rispetto al passato, ma allo stesso tempo si sente maggiormente l’ esigenza di consumare, e si alzano i prezzi, sicuramente in una normale famiglia, con un normale stipendio, una bolletta salata pesa molto.

In genere, un “normale” consumo di energia in una famiglia può rientrare nelle spese senza troppi problemi, in particolare se si bada a non consumare eccessivamente, e di risparmiare quando ce n’è bisogno. Ma sicuramente questo tipo di consumo è molto più oneroso rispetto alle forme di energia alternative, che permettono un risparmio notevole, e che per lo più sono anche molto migliori per il benessere dell’ ambiente, e non solo per le proprie tasche: con questi “produttori di energia sostenibile” è possibile produrre energia senza danneggiare per nulla l’ ambiente in cui ci si trova, infatti si tratta di produttori di energia sostenibile che non causa emissioni di gas nocivi all’ interno dell’ atmosfera ne provocano altri svantaggi.

Semplicemente, tuttavia, questi tipi di energia sono poco diffusi a causa dell’ alto costo della loro installazione. Tuttavia tali costi non devono essere considerati impeditivi, in quanto essi vengono ampiamente recuperati con il risparmio che si ottiene sulle bollette che normalmente giungono a casa per il consumo di elettricità, acqua ecc ecc.

Una di queste forme di energia alternativa è sicuramente l’ impianto fotovoltaico. Si tratta di un impianto tra i più diffusi per quanto riguarda le forme di energia sostenibili. Conoscerlo e sceglierlo per la propria casa può essere un notevole mezzo di risparmio sull’ elettricità.

Ma di cosa si tratta? Questo sarà possibile vederlo nei prossimi paragrafi.

Cos'è:


impianto fotovoltaico Un impianto fotovoltaico è un impianto costituito da moduli fotovoltaici, moduli in grado di trasformare l’ energia solare in energia elettrica grazie all’ effetto fotovoltaico, dell’ elettronica di cui dispone e di sistemi meccanici- automatici ad inseguimento solare.

Ma cosa sono i moduli fotovoltaici? SI tratta di moduli composti da piccole celle fotovoltaiche, che sono in grado di riprodurre l’ effetto fotovoltaico , e quindi di produrre corrente. Tali celle vengono assemblate per formare dei pannelli fotovoltaici , anche se questo metodo di formare i pannelli ora è caduta in dususo a causa della grandezza dei moduli.

In genere le celle fotovoltaiche sono costituite da materiale cristallino, da una lamina di materiale semiconduttore, in particolare si sceglie il silicio, di colore nero o blu. Le dimensioni variano in genere dai 4 ai 6 pollici. Bastano piccolissime celle fotovoltaiche per alimentare autonomamente dispositivi elettroci di consumo,come ad esempio orologi, calcolatrici, cellulari ecc ecc.

Per quanto riguarda la diffusione, gli impianti fotovoltaici sono, come tutte le altre forme di energia alternativa, ostacolate nella diffusione in larga scala dall’ elevato costo dell’ istallazione dei rispettivi impianti. Quello fotovoltaico, tuttavia, sta acquistando sempre più consensi ed adesioni, e oggi è una delle fonti di energia alternative più diffuse del mondo.

Gli impianti fotovoltaici più diffusi del mondi si hanno: ad Elecnor, in Spagna, ed è un impianto da 108 MV, a Sarnia, in Canada, e si tratta di un imianto da 97 MW, con più di 420.000 modulifotovoltaici; a Montalto di Castro, in Italia, ed è un impianto da 84,2 MW, con più di 276.000 moduli installati. Sicuramente, però, il più grande impianto su tetti è quello di Saragozza, in Spagna, installati sugli stabilimenti General Motors, mentre il più grande impianto fotovoltaico architettonicamente integrato , in funzione, è quello presente a Monaco di Baviera, presso dei padiglioni fieristici. Si tratta di un impianto da 1 Mwp. Il più grande impiato in facciata al mondo è quello da 1 MWp, costruito sulla sede del produttore di moduli fotovoltaici suntech Power. Sicuramente, però, l’ istallazione di un impianto fotovoltaico più spettacolare del mondo è la Pergola solare , realizzata da aziende europee a Barcellona, in Spagna. Qui vi sono moduli fotovoltaici per un totale di 444 kWp disposti su di un’ unica grande vela di 112x50 metri, sospesa a mezz’ aria.

Classificazione:


impianto fotovoltaico fai da te In genere gli impianti fotovoltaici si dividono in due grandi famiglie: vi sono gli impianti ad isola e gli impianti grid – connect. I primi non sono connessi ad unarete di distribuzione , e sfuttano quindil’ energia elettrica prodotta sul posto, mentre i secondi sono connessi ad una rete di distribuzione gestita da altri.

Per quanto riguarda gli impianti fotovoltaici ad isola, si tratta di fonti di energia completamente isolate da altri fonte energetiche, che quindi lavorano e producono energia in modo assolutamente solitario ed autonomo, come la rete nazionale in C. A.

Un impianto fotovoltaico ad isola generalmente comprende: un campo fotovoltaico ,che ha il compito di raccogliere energia tramite moduli fotovoltaici , disposti verso il sole; un regolatore di carica, che ha il compito di stabilizzare l’ energia raccolta e gestirla all’ interno del sistema; una batteria di accumulo, costituita da unao da più batterie ricaricabili connesse fra loro , che ha la funzione di conservare la carica elettrica accumulata dai moduli in presenza di forte irraggiamento solare; un inverter, chiamato anche convertitore C.C. o C.A. ,cheha la funzione di convertire la tensione continua in tensione alternata.

Per quanto riguarda gli impianti fotovoltaici connessi alla rete, in genere si tratta di elementi che immettono produzione elettrica prodotta, ovviamente convertita in corrente alternata, in rete. Tale corrente, ovviamente, deve essere anche sincronizzata a quella della rete.

I componenti di un impianto fotovoltaico connesso alla rete in genere sono: il campo fotovoltaico, che serve per raccogliere energia tramite moduli fotovoltaici disposti a favore del sole; inverter, che serve per stabilizzare e convertire in corrente alternata l’ energia raccolta, oltre che per immetterla in rete; quadrisica di protezione e controllo; cavi di connessione, che sono spesso una componente sottovalutata, ma molto importante, perché devono garantire una resistenza ai raggi UV e alle alte temperature.

Caratteristiche:


fotovoltaico L’ unità di misura con cui si misura la potenza nominale, ovvero la quantità di energia prodotta ma anche assorbita durante il funzionamento di un modulo fotovoltaico, si misura in kW, ovvero chilowatt.

La superficie che un impianto fotovoltaico vero e proprio occupa in genere è di poco superiore a quella occupata dai soli moduli fotovoltaici , che richiedono circa 8 mq/kW se sono esposti al sud, a cui poi vanno aggiunte coni d’ ombra prodotti da ostacoli come camini, antenne ecc ecc. ovviamente, questo è lo spazio che i moduli occuperebbero se fossero complanari alla superficie, perché altrimenti sarebbero da contemplare anche i coni d’ombra che gli stessi pannelli andrebbero a produrre, cosa che farebbe aumentare la superficie impiegata a circa 20 mq/kW.

C’è poi da considerare che ogni tipo di cella ha una propria esigenza in termini di spazi. In genere, quando l’ impanto fotovoltaico viene effettuato sul terreno o sul tetto piano, si distribuisce l’impianto su più file sollevate singolarmente verso il sole, in modo da rendere l’ assimilazione di irraggiamento solare captato dai moduli quanto più forte possibile. Maggiore è l’ assimilazione di energia solare, maggiore è l’ energia prodotta dall’ impianto. Proprio per questo, ovvero per ottimizzare la captazione dell’ irraggiamento solare, sono sempre più diffusi i moduli fotovoltaici ad inseguimento solare, ovvero che adattano l’ inclinazione del pannello all’ inclinazione dei raggi solari durante il giorno.

Dimensione:


In genere, il dimensionamento dell’ impianto è soggettivo, in quanto viene effettuato durante la fase della progettazione, tenendo conto della potenza desiderata o comunque delle esigenze in termini di fabbisogno energetico dell’ abitazione o di un qualsiasi edificio. Importante da tenere in considerazione sono anche le condizioni di isolazione del posto di installazione, per lo più dipendente dalla latitura, dall’ esposizione, dell’ inclinazione e dalla superficie del tetto libera. Anche il clima è molto importante: le condizioni medie di nuvolosità influiscono molto sul dimensionamento dell’ impianto fotovoltaico.

Quando invece si vuole sfruttare il massimo di energia elettrica possibile, il dimensionamento non è necessario, in quanto si sceglie, in questi casi, di sfruttare l’ intera superficie disponibile. Tuttavia, anche in questi casi, come anche nel caso precedente, bisogna sempre calcolare la fattibilità sia tecnica che economica, e ovviamente l’ effettiva convenienza economica dell’ impianto.

Fotovoltaico fai da te : Costi:


Sicuramente non è possibile indicare con esattezz il costo di un impianto fotovoltaico, perché questo non è standard, ma mutevole a seconda del caso, e determinato da vari fattori: ad esempio le problemate legate a vincoli di tipo urbanistico-paesaggistico, oppure di tipo strutturale ecc ecc. Un fattore molto importante è la quantità di materiale che si utilizza: in questo caso, comunque, si raccomanda di non risparmiare sui pannelli, in quanto si tratta di una fonte primaria di energia, e quindi sarebbe davvero un peccato vederli funzionare male o essere poco efficienti. Quindi, la quantità che si deve prendere deve essere quella decisa nel dimensionamento e bisogna sempre affidarsi a marche di fama, anche se questo vuol dire spendere qualcosa in più. Inoltre, se l’ impianto non corrisponde alle richieste di omologazione in ogni aspetto, l’ incentivo statale può non essere corrisposto. E’ molto importante, poi verificare le garanzie sui prodotti indicati , e le eventuali inclusioni o esclusioni in merito a pratiche burocratiche e istallazione dell’ impianto.

Per quanto riguarda il costo indicativo dell’ impianto fotovoltaico di prima qualità, con potenza da 3 kWp, ( necessario per coprire il fabbisogno di una civile abitazione, istallato in modo parzialmente integrato, su un tetto facilmente accessibile e in buone condizioni , quindi senza necessita di ulteriore opere murarie, il costo è di circa 19.500,00 euro più iva. Tale costo, però, sarà recuperato in circa 8-15 anni, a seconda della posizione geografica e quindi dell’ esposizione al sole dei pannelli.




  1. Commenti
  2. Invia ad amico

commenti

nome:

email:

commento :

Invia articolo ad un amico










Articoli Correlati


gas
Energia Fai Da Te

Attraverso il fai da te è possibile occuparsi di occupazioni in tutti i settori, e in questo modo prendersi cura delle cose che ci stanno più a cuore, o quelli a cui si è più interessati. Ad esempio, ...

Vai alla pagina Energia Fai Da Te
tegole fotovoltaiche
Tegole fotovoltaiche

Il fai da te è un hobby che permette di occupare il proprio tempo libero in operazioni particolarmente utili. I lavori che è possibile svolgere tramite il fai da te sono davvero moltissimi, tra i qual ...

Vai alla pagina Tegole fotovoltaiche
fotovoltaico
Fotovoltaico

Con il termine fotovoltaico si indica tutto quello che consente di utilizzare l’energia del sole per produrre energia. Il termine si riferisce sia al settore di produzione degli impianti, che al tipo ...

Vai alla pagina Fotovoltaico
solare
Solare

Il settore definito “solare” si riferisce a tutti i sistemi e gli impianti di produzione di energia ricavata dal sole. Questa magnifica stella che da miliardi e miliardi di anni riscalda il nostro si ...

Vai alla pagina Solare