Coltivare



In questa pagina parleremo di : coltivare le piante annaffiatura

Perchè conoscerlo:


Il fai da te permette di occuparsi di tantissime operazioni, ognuna in un campo diverso, semplicemente operando con le proprie mani. Occuparsi di fai da te è possibile a tutti, dai grandi ai più piccoli, dai più esperti ai più imbranati. Proprio per questo, e anche per la vastità di operazioni che è possibile eseguire con il fai da te, sempre più persone scelgono di occuparsi di questo hobby che sta avendo sempre più successo. Questo perché tutti, attraverso il fai da te, possono imparare ad occuparsi di un settore di cui si è interessati, traendo da tutto ciò moltissimi vantaggi. Ad esempio, chi ama le piante può occuparsi di giardinaggio, chi ama i motori piò occuparsi diella manutenzione della propria auto o della propria motocicletta, chi ama personalizzare degli oggetti può occuparsi del loro restauro o del restauro di mobili, o ancora della ristrutturazione di una vera e propria struttura. Con il fai da te, infatti, è possibile apportare moltissime modifiche a ciò di cui già si dispone, siano piccolissimi oggetti o anche grandi strutture,così come è possibile creare quello che invece non si possiede a partire da materiali semplici.

Dal fai da te è possibile, quindi, trarre moltissimi vantaggi: in primis è possibile migliorare l’ ambiente da cui si è circondati, rendendolo più confortevole e accogliente per chi vive al suo interno, poi è possibile creare tutte quelle strutture o quegli oggetti che possono rendere più piacevole la vita a noi stessi e a chi condivide una struttura con noi, e infine, è possibile ottenere con le proprie mani moltissimi risultati, molto utili e di cui essere pienamente soddisfatti. Poi bisogna tener presente che tramite il fai da te è possibile imparare tecniche sempre nuove e migliorare considerevolmente le proprie capacità manuali e pratiche. Tutte queste cose, d'altronde, risulteranno sempre molto utili, anche in futuro, in quanto si tratta di operazioni capaci di ovviare a problemi che possono sempre ripresentarsi nel corso degli anni. Con il fai da te è poi possibile rilassarsi, impegnare il proprio tempo libero portando avanti un lavoro utile e producendo, senza però stressarsi come avviene a lavoro, ne annoiarsi come avviene quando si poltrisce in poltrona. Esso può essere eseguito sia in modo autonomo che in compagnia: nel primo caso ci si può rilassarsi, nel secondo è possibile divertirsi e magari anche insegnare: ad esempio, tramite il fai da te, è possibile creare dei bellissimi giocattoli insieme ai propri bimbi.

Infine, c’è da ricordare che con il fai da te è possibile risparmiare moltissimo denaro, in quanto tutti quei lavori che prima venivano affidati a ditte specializzate o a professionisti, dei quali si pagava la manodopera, grazie al fai da te possono essere eseguiti con le proprie mani, evitando quindi la spesa della manodopera e facendo in modo che la spesa da affrontare riguardi soltanto il costo dei materiali e di eventuali strumenti da lavoro, che però vengono comperati una sola volta, quindi possono essere definiti “un investimento”.

Attraverso il fai da te è possibile anche occuparsi di giardinaggio, la pratica attraverso la quale è possibile prendersi cura delle proprie piante.

Aerofarm 3" sistema aeroponico per coltivare indoor - 111,02€

Prezzo: in offerta su Amazon a: 111,02€


Cosa vuol dire:


giardinaggio Il giardinaggio è un hobby sempre più apprezzato e , quindi, seguito. Esso riguarda la cura delle proprie piante, siano esse da appartamento o del proprio giardino, del proprio orto o del proprio frutteto. Ovviamente il giardinaggio permette all’ uomo di ottenere moltissimi vantaggi da questa pratica, ma comporta anche delle responsabilità. Il giardinaggio, infatti, permette di entrare a contatto con la natura, imparando il rispetto per l’ ambiente e per le vite altrui, anche se si tratta di vegetali. Inoltre permette di rilassarsi, e, se si hanno vasti luoghi naturali, come grandi giardini, anche di respirare un po’ di aria pulita. Le piante che fanno parte di un giardino, poi, come anche quelle da appartamento, possiedono un immenso valore ornamentale, cosa che permette di abbellire la propria casa, il proprio ufficio o qualsiasi altra struttura semplicemente utilizzando le proprie amate piante. Attraverso il giardinaggio è poi anche possibile creare dei veri ambienti in cui disporre degli elementi in modo da renderlo adatto a vari utilizzi. Ad esempio, è possibile creare varie tipologie di giardino: esistono, infatti, giardini giapponesi, giardini rocciosi, giardini pensili ecc ecc. Inoltre è possibile arredare il proprio giardino a seconda delle proprie necessità, inserendovi ad esempio una piscina, o un gazebo con un tavolo su cui pranzare durante le giornate estive, o dei divanetti per trascorrervi delle splendide serate con gli amici ecc ecc.

Attraverso il giardinaggio è anche possibile coltivare delle piante da orto e da frutteto, in grado di assicurare una discreta produzione (la cui vastità ovviamente dipenderà dal terreno a disposizione e quindi dalle piante coltivate) di frutta e di verdura fresca, facilmente reperibile perché sempre sotto casa, o anche sul proprio balcone o sulla propria terrazza.

Tuttavia, spesso si sceglie di comperare delle piante soltanto pensando al loro valore estetico. Ciò non deve assolutamente avvenire, anzi, sarebbe consigliabile che soltanto coloro che amano davvero le piante le coltivino, in quanto queste hanno bisogno di amore e di cure proprio come tutti gli altri esseri viventi. Essendo tali, infatti, esse hanno determinate esigenze, che vanno soddisfatte per garantire loro una vita sana, e quindi anche una buona produzione, che sia di frutti, di verdura o di fiori. Infatti, se una pianta soffre a causa di una malattia, ovviamente essa inizia a esternare, a poco a poco, il suo malessere anche esteriormente, cosa che danneggia anche il suo valore ornamentale e quindi la sua produzione, oltre ad avere gravissime conseguenze sulla sua vita.

Pertanto, è necessario destinare alle piante le giuste cure, e anche preservarle da quei pericoli che esse corrono a causa dell’ uomo, degli animali e dei parassiti, da cui però non sono in grado di difendersi autonomamente,come calpestii, rotture, pratiche colturali sbagliate e infestazioni.


Pratiche colturali:


lavorare il terreno Quando si sceglie di coltivare una pianta, la prima cosa è sapere di che specie di pianta si è venuti in possesso. In genere, appena comprata, la pianta ha un cartellino vicino che riporta la specie e il genere della pianta, altrimenti è possibile chiedere al vivaio ove si compera. Una volta appreso il nome della pianta, si passa poi ad informarsi su quali sono le pratiche colturali che vanno destinate ad essa, ovvero, come la si deve coltivare. Quando si coltiva una pianta, bisogna tenere in conto che le cure che le si devono destinare sono varie , e dipendono dalla stagione, dal tipo di pianta e anche dalla sua età. Le pratiche colturali sulle quali ci si deve informare perché necessarie alla salute della propria pianta sono:

1. La scelta del terriccio: si tratta di una scelta molto importante, che ovviamente va presa tenendo conto delle specifiche esigenze della pianta: essa può necessitare di un terreno fertile, che favorisce il drenaggio ecc o meno, per cui bisogna informarsi su quale sia il terriccio migliore ad ospitare quella determinata pianta. Ovviamente tale scelta non deve essere presa con leggerezza, in quanto il terriccio sarà la casa della pianta, fino a nuovo rinvaso se si tratta di piante in vaso,o perenne, se si tratta di pianta messe a dimora in giardini. Per cui, esso sarà responsabile della sua nutrizione, del giusto apporto di acqua, della saldezza del suo ancoraggio al suolo, della protezione delle sue radici, così come di eventuali patologie.

2. La messa a dimora: la seconda cosa che si deve fare, quando si acquista una pianta che si vuole inserire nel proprio giardino , è metterla a dimora. Ovviamente, prima di ospitare la pianta bisogna preparare il suolo a riceverla, per cui, alcune settimane prima, o anche un mesetto ( a seconda della pianta), il terreno va smosso e concimato. Se invece la pianta viene lasciata in vaso, si deve procedere al rinvaso, anche se non immediatamente: diversamente da come si crede, il terriccio che ospita le piante nei vivai è giusto per le piante.

3. La concimazione: si tratta di una pratica attraverso la quale si garantisce al terreno un giusto apporto di elementi nutritivi, in modo che esso sia in grado poi di alimentare la pianta. Per una giusta concimazione bisogna, ovviamente, scegliere il concime più adatto della pianta, anch’essa scelta dettata dalle esigenze nutrizionali del vegetale.

4. Le annaffiature: sicuramente si tratta della pratica più frequente. Come tutti sapranno, attraverso di essa la pianta riceve l’ acqua necessaria per svolgere le sue funzioni. Deve avvenire in base alle esigenze della pianta e in base alle stagioni.

5. Le potature: con questa pratica la pianta viene privata di tutti gli elementi dannosi e ormai inutili. Si tratta della più delicata delle operazioni, ed è importante informarsi sulla tolleranza delle varie piante al riguardo e su come vada eseguita.

6. Il rinvaso: è una pratica che riguarda le piante in vaso, e va eseguita quando il terriccio non è più adatto ad ospitare la pianta, per questioni di grandezza o per usura. Anch’ essa è una pratica molto delicata, che quindi deve essere anticipata da una buona preparazione.


Coltivare: Parassiti e malattie:

potatura Le piante sono soggette anche a determinate malattie e a infestazioni, che è bene prevenire perché molte di loro sono anche capaci di portare le piante a conseguenze molto gravi.

La prima cosa da fare, quando si ha una pianta, è scoprire a quali infestazioni essa può essere soggetta, o meglio, a quali sono i parassiti che la attaccano più frequentemente. A questo punto, bisogna poi interessarsi della prevenzione, da effettuare in maniera biologica o chimica, in particolare durante il periodo in cui si sa che tali parassiti sono più attivi. Se poi la pianta viene ugualmente infestata, o nel caso in cui non si effettui la prevenzione, bisogna operare in base agli stadi dell’ infestazione. Durante i primi periodi, essa va eliminata tramite pratiche abbastanza semplici, ad esempio gli insetti possono essere facilmente eliminati a mano, avvolgendoli con un batuffolo di cotone bagnato in alcol e uccidendoli. Se l’ infestazione è avanzata, bisogna invece intervenire con prodotti chimici, facendo però attenzione a non danneggiare la pianta.

Nel coltivare la pianta, bisogna poi evitare che questa contragga delle patologie, per lo più infezioni,dovute a marciumi radicali o a potature effettuate male o con strumenti inadeguati. Bisogna , per evitare ciò, effettuare sempre tagli netti, con strumenti ben affilati e disinfettati.




  1. Commenti
  2. Invia ad amico

commenti

nome:

email:

commento :

Invia articolo ad un amico










Articoli Correlati


pianta da giardino
Piante da Giardino

Per chi si occupa di giardinaggio è molto importante sapere quali sono le piante da giardino, o almeno conoscere le più diffuse. Le piante cosiddette “da giardino”, sono per lo più piante la cui sce ...

Vai alla pagina Piante da Giardino
Giardinaggio

Attraverso il fai da te è anche possibile dedicarsi al giardinaggio, ovvero a tutte quelle operazioni necessarie per rendere il giardino di casa propria accogliente e bello, così come è possibile effe ...

Vai alla pagina Giardinaggio
orchidee
Coltivare orchidee

Le orchidee sono da sempre fiori molti apprezzati per la loro bellezza e per il loro valore ornamentale. Proprio per questo, vengono spesso utilizzate nelle composizioni di fiori recisi, o come piante ...

Vai alla pagina Coltivare orchidee
coltivare begonia
Begonia

Il giardinaggio è ormai un hobby sempre più diffuso, al quale si affezionano sempre più persone. I vantaggi che esso comporta, infatti, sono moltissimi e ormai anche conosciuti. Ciò che però non biso ...

Vai alla pagina Begonia